“La Calabria è stata riconosciuta come zona rossa, ovvero ad alto rischio di contagio. Questa scelta ci sconvolge, soprattutto se si considera che in termini di contagi siamo tra le regioni meno colpite, ma paghiamo lo scotto della mancanza di un sistema sanitario adeguato. Siamo davvero spiazzati da questa decisione, le cui conseguenze ricadono direttamente su cittadini e imprenditori, che si trovano costretti a una stretta economica significativa”.

Leggi l’articolo completo sul sito Ansa.it

Non ci sono ancora commenti

Lascia un Commento

Your email address will not be published.