Fonte: http://www.ilcosenza.it

“Siamo matematicamente riconfermati in serie B. Questo è per tutti noi come un’altra promozione”

Così Eugenio Guarascio, Presidente del Cosenza Calcio, commenta a caldo il risultato della sua squadra, che a distanza di 10 mesi dalla serata trionfale di Pescara, torna a festeggiare la permanenza della sua squadra in Serie B.

“In questa giornata così bella e felice, testimoniata anche dalla presenza del Presidente della Lega B Mauro Balata, voglio ringraziare uno per uno chi ha reso tutto questo possibile. Dapprima i calciatori, che hanno dimostrato un attaccamento e uno spirito di squadra assolutamente encomiabile; poi il mister Piero Braglia, autentico trascinatore e motivatore di questo gruppo; e il Direttore Sportivo Stefano Trinchera che ha saputo costruire in due sessioni di mercato, con saggezza e oculatezza, una compagine competitiva ed è stato costantemente al fianco della squadra”.

Immancabili i ringraziamenti a tutti coloro che, sia in campo che fuori dal terreno di gioco, hanno lavorato nella famiglia del Cosenza Calcio per raggiungere questo nuovo importante traguardo. “Mi riferisco a tutto il personale tecnico, a quello medico, a quello riabilitativo, a quello amministrativo, al settore della sicurezza, al nostro ufficio marketing, al nostro ufficio stampa e a tutti i collaboratori che a vario titolo e in vari ambiti ci hanno supportato nella nostre attività”. “Voglio ringraziare – continua il Presidente Eugenio Guarascio – tutti gli sponsor che ci sono stati vicini in questa stagione di esordio nella serie cadetta, imprenditori che hanno sposato la nostra causa”.

Impossibile non ringraziare il meraviglioso pubblico che in questi mesi ha seguito la squadra: migliaia e migliaia di tifosi che hanno accompagnato il Cosenza Calcio in questa cavalcata, non lasciandoli mai soli neanche nelle trasferte più lontane e nelle condizioni logistiche e climatiche più difficili.

“Il Cosenza è patrimonio dei tifosi come, per ultimo, si è visto al Marulla. Non si costruisce una grande squadra senza un grande pubblico e in questa occasione intendo mandare un messaggio ai nostri tifosi: abbiamo lavorato e lavoreremo sempre per costruire il futuro del calcio cosentino, senza proclami altisonanti, ma con basi solide che ci hanno permesso di vivere anche questa giornata così bella, che resterà impressa nella nostra memoria e nella storia gloriosa dei lupi”.

Non ci sono ancora commenti

Lascia un Commento

Your email address will not be published.